La finestra…

Oggi ho osservato il mondo da questa finestra….si trova nella sala d’ attesa di un vecchio ospedale…..chissà quanta gente avrà riversato i suoi pensieri davanti a questo vetro….quanto dolore…quanta disperazione ha vissuto questo angolo di stanza……..perso nel mare dietro i palazzi…..immobile pensavo a questo….a quanto puo’ essere stato importante un contatto con l’esterno per un internato…….a quanto può essere profondo il rapporto con una semplice finestra……..e ogni giorno, attendi il momento in cui guarderai fuori…quel mondo che vedi ormai lontano…come un ricordo offuscato….e ti lasci invadere dai pensieri….i ricordi…..quelli che fanno più male…quelli che rendono vividi i momenti migliori….quelli che ti ricordano quanto la tua situazione sia grave………vedo la gente passare….la vedo cosi’ lontana…loro non mi guardano….non possono vedermi…..la mia vita….. non mi appartiene più…non ho certezze…..non nutro speranze……….ho solo questa finestra a farmi compagnia…………………

……a tutti coloro che sono rimasti qui….per sempre……

Alberi

“Sento soffiare il vento fra gli alberi…nuovamente, dopo tanto tempo. Mi piace fermarmi ad ascoltare, le fronde degli alberi mi ricordano tanti bambini che giocano. Già…bambini…quanto tempo è passato da quando non ne vedo uno…..e la mia infanzia, sembra non essere mai esistita. Ora osservo in silenzio, una volpe rossa corre lontana….chissà come è stato per lei quel giorno……………o forse sarà nata dopo…….si, dev’essere così…..”